Eiaculazione precoce: cos’è e come risolvere

Eiaculazione precoce: cos’è l’eiaculazione precoce e come risolvere

La definizione di eiaculazione precoce è imprecisa ed è oggetto di disaccordo tra sessuologi e ricercatori. Masters e Johnson hanno suggerito che l’eiaculazione si verifica prematuramente se la donna non raggiunge l’orgasmo durante il rapporto, per almeno il 50 per cento del tempo. Questa definizione è problematica, in quanto alcune donne raggiungono l’orgasmo durante un rapporto sessuale, mentre per altre l’orgasmo non si verifica durante il rapporto sessuale, indipendentemente dalla durata. Kaplan definisce la “eiaculazione precoce” quella mancanza di controllo volontario del verificarsi di un orgasmo. Tuttavia, non è molto chiaro, in quanto l’eiaculazione è veramente soggetta ad un controllo volontario o è solo parzialmente volontario?
Il Manuale Diagnostico e Statistico della “American Psychiatric Association” definisce l’eiaculazione precoce come quell’eiaculazione con minima stimolazione sessuale o prima o poco dopo la penetrazione e prima che la persona lo desideri.” Questa definizione riconosce che ci deve essere un elemento soggettivo alla diagnosi di eiaculazione precoce. Oltre considerando la durata del rapporto, deve essere valutata la natura dell’interazione sessuale della coppia. Una coppia che si impegna in 45 minuti di sfrenati preliminari (manuali e orali-genitali), seguiti da un minuto di rapporti piacevoli, non sarebbe considerata eiaculazione precoce.
Negli studi della popolazione, il tasso di eiaculazione precoce varia tra il 10 per cento e il 25 per cento degli uomini intervistati, probabilmente a causa di differenze nella definizione del problema. In termini di durata effettiva del rapporto sessuale, il Rapporto Kinsey nel 1948 ha rilevato che “forse per tre quarti di tutti i maschi, l’orgasmo viene raggiunto entro due minuti” di rapporti sessuali. Nel 1974 lo studio di Hunt ha scoperto, invece, che la durata media del rapporto era aumentato drammaticamente, da 10 a 14 minuti. Questo cambiamento ha aumentato il disagio degli uomini che soffrono di eiaculazione precoce.
Secondo Bancroft, l’eiaculazione precoce è di solito un problema di un uomo giovane, per la maggior parte dei casi negli uomini con età inferiore ai 30 anni. L’eiaculazione precoce, infatti, è tipica per i giovani nelle loro prime esperienze sessuali e potrebbe essere considerato normalissimo. Tuttavia, poiché questi uomini non hanno una storia di rapporti sessuali di successo, come base per la loro autostima sessuale, si verificano spesso sensi di colpa e di auto-etichettatura disfunzionale. Con l’esperienza sessuale, e con l’invecchiamento, invece, la maggior parte degli uomini tendono a superare spontaneamente la loro eiaculazione precoce. Un giovane uomo, la cui eiaculazione precoce non è risolta, avrebbe dovuto aspettare 20 o 30 anni per i normali processi di invecchiamento per risolvere il suo problema e per avere una maggiore esperienza sessuale.
L’eiaculazione precoce non sembra essere causata da fattori fisiologici o condizioni mediche. Infatti, mentre Kaplan ha suggerito che alcune malattie locali o farmaci possono causare eiaculazione precoce, Bancroft non ha riscontrato la stessa teoria.
La ricerca ha anche omesso di collegare l’eiaculazione precoce con i complessi problemi individuali e di coppia psicodinamici-relazionali, associati ad altre disfunzioni sessuali, come al desiderio sessuale ipoattivo. Piuttosto, l’eiaculazione precoce sembra essere tipico dei giovani, maschi sessualmente inesperti che semplicemente non hanno imparato a rallentare e modulare la loro eccitazione, in modo tale da prolungare il processo e il piacere di fare l’amore.
Gli uomini che hanno rapporti sessuali solo di rado sono anche soggetti a eiaculare prematuramente. In effetti, Kinsey, Pomeroy e Martin sostenevano che la causa primaria di eiaculazione precoce è stata una bassa frequenza di attività sessuale. La ricerca ha indicato che le soglie sensoriali del pene si abbassano se si ha un’attività sessuale frequente e i pazienti con eiaculazione precoce hanno un basso tasso di attività sessuale. Tuttavia, può anche darsi che l’eiaculazione possa portare il rapporto sessuale al fallimento, che si tende ad evitare, piuttosto che avere rapporti sessuali non frequenti, provocando l’eiaculazione precoce stessa.
L’ansia e l’eiaculazione coinvolgono entrambe l’attivazione del sistema nervoso simpatico, per cui l’ansia di cercare di ritardare l’eiaculazione può peggiorare il problema. Masters e Johnson hanno proposto che gli uomini imparano ad essere rapidi eiaculatori durante la masturbazione adolescenziale, quando hanno spesso fretta di eiaculare a causa della paura di essere scoperti dai genitori. Tuttavia, tali esperienze sembrano essere stati ugualmente comune negli uomini che non sono eiaculatori precoci.
Alcuni biologi evolutivi sostengono che l’eiaculazione precoce potrebbe essere stata selezionata per l’evoluzione dei primati, attraverso una “sopravvivenza del più veloce”. Un maschio che poteva eiaculare rapidamente avrebbe più probabilità di riprodursi con successo, in quanto ci sarebbe meno possibilità di fuga di ovuli femminili, al contrario di un altro maschio che tende ad interrompere un rapporto sessuale.
Kaplan ha proposto che eiaculatori precoci non possono percepire con precisione il proprio livello di eccitazione e, pertanto, non possono impegnarsi in un auto-controllo. Tuttavia, uno studio di laboratorio ha messo a confronto, attraverso misure oggettive di eccitazione fisiologica, eiaculatori precoci e soggetti con auto-controllo di pari età, e ha scoperto che gli eiaculatori precoci sono stati più determinanti. Molto probabilmente perchè gli eiaculatori precoci, a causa del loro problema di avere più attenzione su quanto sono vicini all’eiaculazione durante il rapporto sessuale, si sono rilevati di per essere validi auto-osservatori di eccitazione. Nessuna delle teorie delle cause di eiaculazione precoce è ben supportato dalla ricerca, salvo la teoria dell’eiaculazione precoce che è tipica nei giovani.
Il trattamento di eiaculazione precoce, utilizzando la “pausa” e le procedure di “spremere” sviluppato da Semans e da Masters e Johnson, è altamente efficace. La ricerca ha dimostrato che tali procedure funzionano bene in gruppo, nel trattamento individuale e nei programmi di auto-aiuto; essi possono essere praticati nella masturbazione dell’individuo e, con un buon beneficio terapeutico, quando viene ripreso il rapporto sessuale con il partner. Le percentuali di successo segnalate dal 90 al 98 per cento.

Nella procedura stop-start o di pausa, il pene viene stimolato manualmente fino a quando l’uomo non è abbastanza eccitato. La coppia si ferma poi fino al momento in cui la stimolazione viene ripresa. Questa sequenza viene ripetuta più volte prima dell’eiaculazione, così l’uomo inizia ad essere più esperto ed impara ad avere una soglia più elevata di esperienza.
La procedura di compressione è molto simile alla procedura di stop-start, con l’aggiunta che quando la stimolazione si ferma, la donna stringe con forza il pene tra il pollice e l’indice, nel luogo in cui il glande del pene si unisce l’albero. Questo movimento di spremere sembra ridurre ulteriormente l’eccitazione. Dopo alcune settimane, la necessità di avere pause diminuisce e l’uomo è in grado di provare diversi minuti di continua stimolazione del pene senza eiaculare.
Successivamente, la coppia progredisce a mettere il pene nella vagina ma senza movimenti di spinta. Se l’uomo rapidamente diventa molto eccitato, il pene viene ritirato e la coppia attende che si plachi l’eccitazione e successivamente viene reinserito. Quando il contenimento inattivo del pene è raggiunto, la procedura di formazione è ripetuta durante la spinta.
In generale, per un uomo due o tre mesi di pratica sono sufficienti per essere in grado di godere di un rapporto prolungato senza bisogno di pause.
Queste procedure di pausa e spremere vengono descritti da Semans nel 1956 e da Master e Johnson nel 1970.
Inoltre, la stimolazione e la procedura di pausa è tipicamente ripetuta dal paziente più volte alla settimana, aumentando così la frequenza dei rapporti sessuali e l’innalzamento della soglia sensoriale del pene. Uno o entrambi questi meccanismi possono essere alla base dell’efficacia del trattamento.
Le variazioni sulla pausa e sulle procedure di compressione sono state riportati come casi clinici. Una variazione descritta da Lopiccolo comporta l’inversione di uno dei cambiamenti fisiologici che si verificano durante la massima eccitazione. Infatti, durante grado di eccitazione massima, lo scroto è contratto, i testicoli si elevano vicino al corpo. Oltre ad avere la stimolazione, il paziente può essere istruito per allungare lo scroto e invertire questa elevazione testicolare. Tuttavia, durante la massima eccitazione, alcuna stimolazione ulteriore dello scroto e del perineo può innescare un’eiaculazione.
Dati empirici relativi alla efficacia di questa tecnica sono carenti.
Secondo Segraves, facendo riferimento alle droghe e ai farmaci che bloccano l’eccitazione, questi hanno spesso l’effetto di ritardare l’eiaculazione. Tali agenti includono ansiolitici, antidepressivi e tranquillanti, sedativi, antistaminici e ipertensivi. Tuttavia, a causa di gravi effetti collaterali, l’uso di farmaci nel trattamento di eiaculazione precoce non è raccomandato, soprattutto se si considera l’efficacia della procedura di riqualificazione comportamentale. Ed, inoltre, anche molte droghe come alcol, marijuana, cocaina, barbiturici e l’eroina fanno ritardare l’eiaculazione.
E sconcertante sapere che, anche se non c’è accordo sulla definizione o causa di eiaculazione precoce, e nessuna vera comprensione di come funziona la procedura di trattamento, il risultato è praticamente al 100 per cento efficace.

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale * PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2018 Frontier Theme
WhatsApp chat