Cause dell’ansia da prestazione

CAUSE DELL’ANSIA DA PRESTAZIONE

Molti differenti problemi possono causare l’ansia da prestazione sessuale. Una delle più comuni cause dell’ansia da prestazione sessuale è semplicemente un elevato livello d’ansia.

Altre cause di ansia da prestazione sono:

* Pressione sociale – La pressione sociale è una delle cause più comuni dell’ ansia da prestazione. Gli uomini temono che la loro capacità di soddisfare una donna influenzi la loro reputazione anche all’esterno della coppia; invece le donne si preoccupano che gli uomini le giudichino per il loro aspetto fisico e per le loro abilità sessuali.

* Inesperienza – L’inesperienza può causare disfunzioni sessuali secondarie che possono portare all’ansia da prestazione. L’eiaculazione precoce, per esempio, è abbastanza comune in coloro che hanno poca o nessuna esperienza sessuale, eppure quando si verifica può causare vergogna, a tal punto da portare allo sviluppo dell’ ansia da prestazione e, purtroppo, a problemi sessuali maggiori.

* Problemi relativi alle prestazioni sessuali sono anche un effetto collaterale di alcuni farmaci per l’ansia, ed inoltre l’ansia per la prestazione sessuale tende ad essere più comune in coloro che non hanno mai fatto l’amore in passato.

Sarebbe bello avere una soluzione rapida per l’ansia da prestazione sessuale, ma come tutte le forme di ansia si tratta di un “processo a lungo termine”. Tutti possono superare questi problemi, ma ci vuole lavoro, dedizione e decisioni intelligenti.

Ecco alcune importanti strategie per superare l’ansia da prestazione:

* Parlare e confrontarsi con il partner:  Una delle cose peggiori che si possono fare quando si ha ansia da prestazione, è cercare di combatterla senza dirlo al vostro partner. Questo farà sì che la vostra ansia peggiori. E’ fortemente consigliato dire al vostro partner, prima di fare l’amore, che avete quest’ ansia e le sensazioni che essa provoca. Molto probabilmente il vostro partner capirà, e potrete lavorare insieme per risolvere il problema.

* Fare l’amore: fare esperienza – soprattutto con la stessa persona – è una cura per l’ansia sessuale, questo perché l’esperienza dice alla mente che non è necessario essere abili per riuscire a stare bene insieme; si riduce così la paura che la vostra prestazione sessuale sia fallimentare.

* Non essere “avari” di preliminari – La maggior parte dell’ansia da prestazione è dovuta alla preoccupazione se il partner stia godendo della situazione oppure no; è possibile ridurre alcune di queste preoccupazioni cominciando con i preliminari, in tal modo che anche se le vostre prestazioni sessuali non sono ciò che voi o il vostro partner avevate desiderato, ne resterete comunque soddisfatti.

* Esercizio fisico – Essere sicuri del vostro corpo e della vostra energia è una parte importante per superare l’ansia sessuale. Quanto più si riesce a non pensare a se stessi e a come l’altro vi vede, tanto più facile è impegnarsi nelle attività sessuali senza preoccupazioni e stress.

Infine, avrete assolutamente bisogno di imparare a controllare l’ansia in generale: I soggetti che soffrono d’ansia, sono molto più inclini a sperimentare l’ansia anche in camera da letto.

LE CAUSE DELL’ ANSIA DA PRESTAZIONE DIPENDONO DALLA MENTE…

E’ stato detto che il più grande organo sessuale è il cervello, infatti è sbagliato pensare che il sesso sia soltanto qualcosa di fisico; gli atteggiamenti e il modo in cui la mente è focalizzata hanno un enorme impatto sull’esperienza sessuale.

A volte l’eccitazione sessuale può sconfinare nell’ansia; è per questo necessario che un giusto livello di eccitazione si mescoli con un senso di fiducia “proviamo a rilassarci e vediamo cosa succede”.

È inoltre necessario

* Focalizzarsi sulla persona con cui ti rapporti per incoraggiare quei momenti meravigliosi in cui ci si sente totalmente connessi. Futuro e passato scompaiono, il che significa che anche l’ansia per quello che potrebbe o non potrebbe accadere, scompare.

* Dimenticare la “meccanica” del sesso: se durerà o se si avrà l’erezione. Il sesso…. quello meraviglioso è come una grande arte o poesia che non può essere “ragionata” come un progetto scolastico di matematica. Una poesia potrebbe essere breve e semplice, ma qualcuno, senza sapere il perché, la ama.

A volte si pensa che per eliminare il problema basti evitare il sesso, ma invece questo atteggiamento tende solo ad aumentare l’ansia da prestazione sessuale, in quanto la mente ha una maggiore sensazione di paura per qualsiasi cosa si stia evitando (le paure che non affronti, diventano i tuoi limiti). Il sesso è una parte, ma non è tutto di un rapporto fisico più ampio che puoi avere con il partner; molte donne riferiscono di amare di più l’affetto e la vicinanza, l’abbracciarsi e tenersi stretti mentre si è nudi, piuttosto, a volte, dell’atto sessuale in sé.

CAUSE DELL’ANSIA DA PRESTAZIONE SESSUALE

Non è possibile essere estremamente ansioso e sessualmente eccitato allo stesso tempo. Questa è una semplice verità circa il modo in cui il corpo e la mente lavorano insieme; e sfortunatamente, molte persone, prevalentemente gli uomini, non lo capiscono.

L’ansia da prestazione sessuale è spesso una espressione dell’ansia sociale, per cui le persone possono sentirsi inferiori agli altri, o troppo preoccupati per come vengono visti dagli altri. Quando la fiducia è bassa, aumentano le convinzioni negative e siamo più vulnerabili.

La mente umana ha la tendenza di cercare una ragione di tutto ciò che accade, e poi cerca di escludere ciò che più ferisce, creando delle “verità” valide per se stessi.

Un uomo ansioso, non vede una mancanza di interesse sessuale per qualcuno che gli amici trovano attraente come un esempio di gusto personale, ma piuttosto come un segno che c’è qualcosa di sbagliato in lui. Se si tenta quindi di generare un tale interesse al fine di sentirsi “normali” e non si riesce a raggiungerlo, è probabile che si vada alla ricerca delle cause di quanto accade all’interno di se stessi. Per queste ragioni è improbabile che abbiano la meglio i pensieri razionali, ma piuttosto si tenderà a parlare di inadeguatezza e inutilità personale come la causa del problema.

Gli uomini ansiosi a livello sessuale, cominciano anche ad avere dei dubbi circa il proprio orientamento sessuale. L’ uomo con ansia da prestazione sessuale comincia a chiedersi se è attratto da altri uomini, questo porta inevitabilmente ad una eccessiva preoccupazione quando si rileva un qualsiasi sentimento positivo in se stesso per un altro uomo (anche semplicemente un parente o un amico). Ignaro del fatto che ognuno di noi ha una scala di interesse per gli altri, uomini e donne, comincerà a sorvegliare i suoi pensieri e le emozioni. Ancora una volta  inevitabilmente, questo significa che egli avrà pensieri sul sesso, ogni volta che sarà a contatto con un uomo, perché egli stesso ha creato nella sua mente un legame tra gli uomini attrenti , la paura e il sesso. Questo è un altro tratto comune a tutti gli esseri umani. In questo modo, vedere un uomo di bell’aspetto, e pensare al sesso, diventa per quest’ uomo una “risposta automatica cronica”  che lo renderà sessualmente preoccupato e ancora più vulnerabile e insicuro.

Un’altra preoccupazione favorita dall’ansia sessuale si ha quando la persona si preoccupa della propria “performance sessuale”. Ancora una volta, questa è quasi sempre una preoccupazione maschile, poiché le donne tendono a non preoccuparsi molto di questa area della sessualità, ma si soffermano invece sulla percezione fisica che ha il partner di loro. Come detto in precedenza, l’eccitazione fisiologica  e l’erezione, è praticamente impossibile quando l’uomo è molto ansioso. In questo modo si instaura un un circolo vizioso: in cui per un motivo o per un altro, l’uomo si preoccupa per la propria sessualità e per le proprie prestazioni sessuali, e così facendo, quando avrà un rapporto sessuale, si preoccuperà delle proprie abilità. Questo meccanismo provoca la perdita di erezione e un conseguente enorme aumento dell’ansia anche nei rapporti futuri. Quando l’uomo si concentra eccessivamente sulle proprie prestazioni sessuali, significa che è “spettatore di se stesso”. Questo significa che l’uomo sta guardando se stesso, monitora il suo successo con poca o nessuna preoccupazione per il suo partner, questo significa non solo che le esigenze del partner non sono rispettate, ma anche che l’uomo non è in contatto con i cambiamenti in atto durante il rapporto. Potrebbe anche significare che il coinvolgimento dell’uomo nell’atto sessuale è tutto volto all’orgasmo piuttosto che all’intima celebrazione di una relaz”ne.

Questo atteggiamento può portare un uomo con un disturbo d’ansia da prestazione, a compromettere  la sua autostima, cominciando a credere di dover avere un dato numero di rapporti sessuali alla settimana per “essere un vero uomo”; questo non ha praticamente nulla a che fare con una relazione d’amore.

Se l’uomo non è in grado di vedere al di là del soddisfacimento dei propri bisogni, potrebbe risultargli estremamente difficile capire perché la sua vita sessuale è così insoddisfacente .

Una difficoltà sessuale può sorgere quando un uomo si aggrappa alla convinzione errata che gli uomini debbano essere sempre pronti ad avere un rapporto sessuale, disposti e in grado di avere rapporti sessuali “straordinari”. Queste credenze non sono assolutamente vere poiché entrano in gioco molte variabili, come: stanchezza, malattia (anche una semplice influenza), preoccupazioni quotidiane (come di lavoro o problemi di famiglia), o semplicemente non è il momento giusto. Il desiderio di avere rapporti sessuali diventa per la persona la prova che tutto va bene, al contrario il disinteresse sessuale la prova  di essere anormali.

Come per ogni forma di ansia, è fondamentale mettere in discussione le proprie convinzioni. Se una data credenza ci sta provocando del dolore, allora è il momento di tirarla fuori e indagarla; le probabilità sono che sarà dimostrato che si faceva affidamento semplicemente a credenze personali che abbiamo preso per veritiere. Essere adulti significa anche che non è più come quando eravamo bambini, quando si riteneva vero tutto ciò che ci veniva detto dai nostri genitori, ma significa fare affidamento sulle esperienze vissute per discernere la verità dalle credenze. Mettere in discussione una “verità”, non significa mancanza di rispetto per la persona che ha alimentato in noi tale credenza, è invece un requisito per chi vuole crescere e svilupparsi emotivamente. Il lavoro è duro ma essenziale per la persona che veramente vuole curare il suo disturbo d’ansia.

Se ci si senei ansiosi e stressai in generale, allora questo può facilmente riflettersi sulla vita sessuale. Lo stress può essere causato da troppo alcol, caffè o tabacco, cosìanche dal troppo lavoro svolto senza mai prendersi del tempo per rilassarsi.

arebbe utile eliminare il maggior numero possibile di fattori di stress; si potrebbe iniziare a rilassarsi regolarmente e prendersi del tempo per il “divertimento”.

ANSIA E SESSO

E’ importante sottolineare che l’ansia può facilmente influenzare la vostra vita sessuale

Di che tipo di ansia stiamo parlando?

Ansie femminili:

* Lui pensa che non sono brava a letto?

*Rimarrò incinta?

 

* Penserà che il mio seno è troppo piatto, grosso o cadente ?

* Penserà che i miei genitali sono brutti?

* Riuscirà a non gradire il mio odore?

* Cosa succede se non riesco a venire?

ansie solo maschili

* Sarò in grado di avere un’erezione?

* Sarò in grado di mettere il preservativo?

* Raggiungerò l’orgasmo troppo presto?

* Penserà che il mio pene non è abbastanza grande?

* Riderà del mio aspetto fisico?

In effetti, alcune di queste preoccupazioni sono perfettamente ragionevoli, soprattutto se si é un adolescente con scarsa esperienza. Tuttavia molte delle preoccupazioni sessuali elencate, sono davvero molto irrazionali, e, soprattutto, tendono a peggiorare la situazione.

Come può l’ansia peggiorare la situazione?

Il motivo abbastanza semplice è che il corpo tende a rilasciare automaticamente sostanze chimiche nel flusso sanguigno, queste includono l’adrenalina che deriva principalmente dalle ghiandole surrenali.

La maggior parte delle persone hanno sentito parlare di adrenalina e tendono a pensare che sia “una sostanza positiva” perché ti fa correre più veloce o saltare più lontano, come si sente dire nelle gare sportive. Ma quando si tratta di sesso, queste sostanze chimiche, non sempre sono “positive”, in realtà possono avere un effetto molto negativo sulle performance sessuali.

Ad esempio, negli uomini possono:

* Far perdere l’erezione

* Rendere difficile a mantenere l’erezione per inserire un preservativo

* Provocare troppo presto l’orgasmo (eiaculazione precoce).

E nelle donn , l’ effetto delle sostanze chimiche può:

* Stringere le pareti della vagina (con conseguente dolore)

* Rendere difficile il rilassamento

* Rendere difficile raggiungere l’orgasmo.

ANSIA DA PRESTAZIONE: LE CAUSE DEL PROBLEMA

L’ansia da prestazione è uno dei principali problemi che gli uomini sperimentano a livello sessuale ed emotivo. Il sesso dovrebbe essere un’esperienza piacevole, ma diventa molto difficile soprattutto con un nuovo partner, quando si soffre di ansia da prestazione sessuale.

Siamo costantemente bombardati nei media con ideali della sessualità maschile, che creano aspettative poco realistiche su ciò che un uomo “dovrebbe essere” e a come si “dovrebbe comportare” in camera da letto. Le inserzioni pubblicitarie, non fanno che aumentare le insicurezze degli uomini e la paura di poter avere qualche disfunzione sessuale. Non è una sorpresa quindi, che per alcuni uomini, tutte queste aspettative possono influenzare la fiducia in se stessi.

L’ansia e lo stress possono aumentare i livelli di cortisolo durante il rapporto (eiaculazione ritardata), adrenalina e endorfine, ormoni sicuramente non ideali per le interazioni sessuali. Alti livelli di stress e ansia, che inibiscono il flusso di sangue nel pene, possono portare a difficoltà di erezione, eiaculazione precoce e all’incapacità di eiaculare durante il rapporto (eiaculazione ritardata).

L’ansia da prestazione può  presentarsi improvvisamente, anche in relazioni stabili e sane. A volte una singola occasione, dove un uomo perde la sua erezione o eiacula troppo rapidamente, può essere sufficiente a sollevare dubbi nella sua mente e può causare ansia la prossima volta. Quando egli anticipa problemi circa la sua prestazione, allora questa paura può diventare una profezia che si autoavvera.

E ‘ importante, che quando si verifica un problema come questo, il partner mostri empatia, e rendersi conto che può essere normale per la maggior parte degli uomini in qualche momento della propria vita avere problemi di erezione.

Il disturbo più comune per gli uomini è l’eiaculazione precoce (EP), di cui ne soffre circa il 40% della popolazione, tuttavia, quando si presenta, quando si verifica provoca vergogna e imbarazzo. Ci sono uomini che eiaculano sempre entro i due minuti, anche se vorrebbero durare più a lungo. L’eiaculazione precoce viene trattata spesso con farmaci antidepressivi che interferiscono con il metabolismo e con i livelli di serotonina nel cervello; bisogna ricordare che la funzione dei farmaci è quella di alleviare i sintomi, ma non risolvono assolutamente il problema.

La preoccupazione costante per il tuo aspetto o per le tue capacità a letto può fare del sesso un evento stressante e snervante, tanto da evitare di avere rapporti sessuali.

Il sesso è molto più di una risposta fisica, e l’eccitazione è legata alle vostre emozioni ; quando la mente è troppo stressata per concentrarsi sul sesso, il corpo non riesce ad eccitarsi.

CAUSE DELL’ANSIA DA PRESTAZIONE

Diverse preoccupazioni possono portare all’ ansia da prestazione sessuale, tra cui :

* La paura che non sarà possibile soddisfare il vostro “artner sessuale

* Scarsa immagine corporea , tra cui preoccupazione per il peso

* Preoccupazione di un uomo che il suo pene non sia “all’altezza”

* La preoccupazione di un uomo di eiaculare prematuramente o impiegare troppo tempo per raggiungere l’orgasmo

* L’ansia di una donna di non essere in grado di avere un orgasmo o godere dell’esperienza sessuale

Queste ansie causano una risposta detta “lotta o fuga” facendo rilasciare Ormoni dello stress, come adrenalina e noradrenalina,  per preparare il vostro corpo ad affrontare una minaccia . Naturalmente, il vostro partner non è una minaccia  e per questo motivo… questa risposta è così controproducente per l’intimità .

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale * PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2018 Frontier Theme
WhatsApp chat